MG Politico

La co-fondatrice della ong Moas che da un anno ha abbandonato il Mediterraneo per correre in soccorso dei Rohingya in Myanmar spiega: «Ce ne andammo perché il sistema non funzionava. Il problema non sono i profughi ma un’Unione Europea che non aggiorna le proprie regole mentre il mondo cambia. E intanto si preparano altre rotte migratorie che si trasformeranno in emergenza»

error: Content is protected !!